keyboard_arrow_up

Un posto al sole, Patrizio Rispo: «Hanno faticato a darmelo»

Pubblicato il 24 Ottobre 2021 alle 16:40

Patrizio Rispo, in occasione dei 25 anni di messa in onda di Un posto al sole, ha fatto una confessione sul ruolo di Patrizio Giordano che nessuno si aspettava.

Un posto al sole, Patrizio Rispo: «Hanno faticato a darmelo»

Giovedì 21 ottobre 2021, Un posto al sole ha festeggiato 25 anni di messa in onda. Il cast ha regalato ai fan della soap opera una diretta social ricca di aneddoti. Patrizio Rispo, che in Upas veste i panni di Raffaele Giordano, ha rilasciato un’intervista, facendo una confidenza del tutto inedita.

Un posto al sole: la rivelazione di Patrizio Rispo

Patrizio Rispo fa parte della famiglia di Un posto al sole fin dalla primissima puntata, registrata nell’agosto del 1996 e andata in onda il 21 ottobre dello stesso anno. Nei panni di Raffaele Giordano, è molto apprezzato dai telespettatori, soprattutto per il suo essere sempre disponibile con gli altri.

Intervistato dal settimanale Nuovo Tv, Patrizio ha rivelato un aneddoto che nessuno si aspettava. Ha raccontato che, quando si presentò ai provini di Un posto al sole, sudò le cosiddette sette camice per ottenere il ruolo di Raffaele.

«Hanno faticato a darmelo, nonostante ai provini piacessi molto e avevo fama di avere una buona memoria per le battute! Alla fine scelsero me e, una volta entrato nel personaggio, io e gli autori lo abbiamo modificato. Gli abbiamo tolto l’inziale zoppìa ed è diventato un intenditore di musica classica, perché doveva interloquire con tutti i condomini».

Rispo, quindi, non è stato scelto subito, ma ha dovuto sbaragliare diversi rivali prima di riuscire a vestire i panni del portiere di Palazzo Palladini.

Upas: il primo ricordo di Patrizio Rispo

Raffaele Giordano è stato e continua ad essere un punto di riferimento per tutti i personaggi di Un posto al sole. Non è solo il portiere di Palazzo Pallandini, ma anche il confidente di tutti gli abitanti. Che ricordo che ha del suo debutto?

Ha raccontato: «Impossibile dimenticarlo. Era il 26 agosto, giorno del mio compleanno, mentre il 21 ottobre, quando andò in onda la prima puntata, è quello di mia moglie. Ricordo che dovevamo girare la scena del funerale del Conte Palladini».

Negli anni, Giordano ha vissuto diversi drammi: dalla morte della prima moglie Rita, che gli ha distrutto la vita, ai problemi con il figlio Diego, passando per i guai della famiglia allargata. Nonostante tutto, Raffaele è e continua ad essere un personaggio chiave e indispensabile per tutte le narrazioni della soap. Leggi anche: Un posto al sole, anticipazioni dal 25 al 29 ottobre: Silvia e Michele ad un bivio


ARGOMENTI: Un Posto al Sole