keyboard_arrow_up

Captain America – Il primo Vendicatore: la trama

Pubblicato il 5 Settembre 2019 alle 10:11

da Ilaria Roncone

Stasera su Rai 2 va in onda in prima serata Captain America – Il primo Vendicatore. Vediamo la trama e qualche info sulla pellicola.

Captain America – Il primo Vendicatore: la trama

Stasera in tv in prima serata, su Rai 2, va in onda Captain America – Il primo Vendicatore. Il film è quasi interamente ambientato negli anni Quaranta. La trama ruota attorno le origini dell’alter ego eroe di Steve Rogers. Il film del 2011 diretto da Joe Johnston è basato sul personaggio dei fumetti Marvel Comics Captain America. Il protagonista della pellicola è Chris Evans, che veste sia i panni di Steve Rogers che quelli di Capitan America. Il personaggio è un soldato che ha combattuto nella Seconda guerra mondiale e che, attraverso un siero, possiede capacità fisiche umane fuori dal comune. Del cast fanno parte anche Hayley Atwell, Hugo Weaving, Sebastian Stan.

Captain America – Il primo Vendicatore: trama e curiosità

Corre l’anno 1941 e il mondo tutto è coinvolto nella Seconda guerra mondiale. Il giovane Steve Rogers, dopo aver provato più volte ad arruolarsi nell’esercito per combattere accanto ai suoi fratelli e alle sue sorelle delle Forze alleate, entra a far parte di uno speciale programma sperimentale che lo farà diventare un super soldato di nome Captain America.
L’esperimento riesce così come era stato programmato ma, in un primo momento, Steve viene sfruttato come attrazione, un vero e proprio fenomeno da baraccone, ed è costretto a trovare un modo per arrivare in Europa, lì dove si combatte davvero. Arrivato lì l’eroe scopre che il suo grado è solamente teorico e che può realmente guadagnarlo soltanto combattendo in capo.
Per realizzare questo film Joe Johnstone si è ispirato a film che non hanno nulla a che vedere con il personaggio protagonista come Guerre Stellari o The Rocketeer o ancora I predatori dell’Arca perduta. L’attore Stanley Tucci ha deciso di accettare la parte del dottor Erskine per poter recitare con accento tedesco, un suo desiderio da sempre.
Anche relativamente al protagonista c’è una curiosità: pare che Chris Evans abbia rifiutato di vestire i panni del capitano per ben tre volte prima di convincersi e non perché il ruolo non gli fosse gradito ma perché aveva paura che la fama che ne sarebbe derivata avrebbe irrimediabilmente compromesso la serenità della sua vita privata. Alla fine è stato Robert Downey Jr. ad accettare la parte assicurandogli che, una volta recitato in questo ruolo, avrebbe potuto recitare qualunque altro personaggio.
Per quanto riguarda la critica, negli Stato Uniti il film ha ricevuto un consenso unanime sia alla critica che al pubblico. In Italia, al contrario, la pellicola ha ricevuto critiche miste con una grande fetta degli appassionati del fumetto che ne hanno criticato la lentezza nella sceneggiatura e il fatto che fosse approssimativo nella seconda parte.