keyboard_arrow_up

Anticipazioni I nostri figli, la fiction che racconta la cronaca di un caso di femminicidio

Pubblicato il 5 Dicembre 2018 alle 11:20

da Ilaria Roncone

Vanessa Incontrada e Giorgio Pasotti ne I nostri figli interpretano due genitori generosi che davvero hanno agito come nella fiction. Vediamo le anticipazioni de I nostri figli.

Anticipazioni I nostri figli, la fiction che racconta la cronaca di un caso di femminicidio

Storie di famiglie e di femminicidio: queste le basi della nuova fiction Rai che andrà in onda giovedì 6 dicembre con protagonisti Vanessa Incontrada e Giorgio Pasotti nei i panni di due coraggiosi genitori che, dopo l’uccisione di una parente per mano del marito, hanno adottato i loro figli.

La fiction che, vicino al periodo natalizio, promuove il trionfo dei buoni sentimenti su tutte le difficoltà della vita è tratta da una storia purtroppo tragicamente vera. I nostri figli è coproduzione Rai Fiction - 11 Marzo Film ed è ispirata a un caso di cronaca del 2007. Vediamo di cosa si tratta e le anticipazioni de I nostri figli.

I nostri figli anticipazioni: dal caso di femminicidio alla fiction

Paola Giulianelli e il marito Carmelo Calì hanno deciso di prendere in affidamento nel 2007 tre bambini rispettivamente di tre, cinque e sei anni crescendoli insieme ai loro due figli. Chi erano? I figli di Marianna Manduca, una donna assassinata a coltellate in mezzo alla strada dal marito Saverio Nolfo a Catania. I tre bambini sono stati adottati tra mille difficoltà legali dopo quello che è stato a tutti gli effetti un femminicidio annunciato: la donna aveva sporto ben 12 denunce per violenza contro il marito.
La storia de I nostri figli parla di Paola e Carmelo attraverso il lavoro di Vanessa Incontrada e Giorgio Pasotti: chi sono, come hanno preso una decisione che agli occhi di molti sembra davvero difficile, la vita che hanno donato nuovamente a questi tre sfortunati bambini.
Cosa vedremo sugli schermi televisivi? I tanti problemi che una situazione del genere comporta e il relativo dolore. Ma anche la voglia di stare insieme e di andare avanti di questa famiglia che, oggi, vive a Sinigallia.
In merito alla produzione si è espressa la stessa Paola Giulianelli dichiarando che “sono decisioni che si prendono d’istinto, non ci stai a ragionare troppo. Ho sentito che quei ragazzi li dovevo salvare e che se fosse accaduto ai miei di figli io avrei voluto la stessa dedizione per loro”. Anche Carmelo, il marito di Paola, si è espresso in merito alla questione dopo aver tanto combattuto e vinto solo l’anno scorso la battaglia legale contro lo Stato, accusato di non aver aiutato e protetto Marianna anche dopo le sue numerose denunce: “Non potevamo fare altrimenti e non potevamo aspettare. In quattro ore abbiamo rivoluzionato la nostra vita. Solo dopo ci siamo resi conto di tutte le grandi difficoltà alle quali siamo andati incontro, non ultime quelle economiche ma ci hanno sorretto la forza, l’amore e la tenacia. Rifarei tutto”.
Alla proiezione della fiction c’era la famiglia al completo; si sono commossi e hanno fatto commuovere, anche grazie alle parole del più grande dei figli naturali della coppia che ha affermato: “Mi sono ritrovato molto nella fiction e sono orgoglioso di quello che hanno fatto i miei genitori. All’inizio ero geloso dei nuovi arrivati ma oggi sono felice di avere dei fratelli come loro”.

I nostri figli: le opinioni degli attori e del regista

In merito alla scelta fatta da questa coraggiosa e amorevole coppia si sono espressi anche coloro che hanno portato sullo schermo questo caso di cronaca.
Vanessa Incontrada, che interpreta la mamma coraggiosa, ha così parlato in merito a questa produzione: “Sono sincera, non so se avrei avuto lo stesso coraggio, bisogna trovarcisi per sapere. Moglie e marito sono venuti sul set e dai loro racconti abbiamo capito e siamo entrati nella loro nuova famiglia. Paola e Carmelo ci hanno portato a improvvisare e ad essere più veri. Rimane una grande tristezza per una società, la nostra, che dovrebbe tutelare le donne, prendersi carico di loro, offrire più forme di protezione, più attenzione nei confronti di chi denuncia e che invece non raggiunge lo scopo. Viviamo ancora in un mondo maschilista dove resistono gli stereotipi del femminile”.
Che gli stereotipi sopravvivano segnando l’esistenza di molte, troppe donne, è reale. Ci pensano i numeri a confermarlo: dal 2000 a oggi in Italia gli orfani di femminicidi avvenuti in ambito familiare sono ben 1600. Questi bambini e questi ragazzi sono rimasti senza un’adeguata tutela fino all’approvazione di una legge in merito nel 2017.
Il regista de I nostri figli ha affermato come “si parte da un dolore ma si racconta anche come ricucire la ferita fino a guarirla” e anche Giorgio Pasotti, che interpreta il papà, ha fatto sapere di “aver imparato molto da questa famiglia coraggiosa. Paola e Carmelo sono i veri super eroi del quotidiano da ammirare”.


ARGOMENTI: Vanessa Incontrada